Leggiamo ovunque dell’importanza di mantenere la calma e la relazione con i figli, sappiamo a memoria che le urla rovinano il clima familiare e spesso creano solo dolore; ma in realtà, cosa succede quando ti arrabbi con tuo figlio? È davvero così grave?

Facciamo un po’ il punto della situazione.

Arrabbiarsi è assolutamente naturale e la cosa pazzesca è che più siamo coinvolti e più ci arrabbiamo.

È più facile che fuori di casa ci mostriamo come le persone più calme del mondo, che con i conoscenti manifestiamo un’imperturbabile pazienza, ma in famiglia, proprio le creature che amiamo di più al mondo, sono in grado di suscitare la rabbia più esplosiva.

In studio sento spesso i coniugi che si accusano reciprocamente che fuori con gli amici sono sereni e pazienti, mentre in casa si trasformano in persone intransigenti ed irascibili.

Sembra paradossale, ma tutto ciò ha una semplice spiegazione.

Più amiamo una persona e più ce ne sentiamo responsabili, maggiori sono le aspettative che ci creiamo.

Se un amico di nostro figlio prende un’insufficienza è più semplice comprendere e sdrammatizzare. Se nostro figlio porta a casa un 4, nella nostra mente si proiettano film catastrofici di un ragazzo che nella vita non combinerà mai nulla, che rimarrà bocciato fino ai 25 anni, che non troverà lavoro, che sarà un fallito. Abbiamo paura per il suo futuro perché lo amiamo. Il suo 4 ci fa arrabbiare, quello del suo amico no.

Ecco perché siamo splendidi fuori e più rigidi in casa con i figli.

Ecco perché arrabbiarsi è un processo non solo naturale, ma anche più probabile quando amiamo.

Ma, cosa succede quando ti arrabbi con tuo figlio? È davvero così grave?

Per continuare ascolta il Podcast che trovi qui sotto.

RICORDA:

Per le tue richieste, puoi contattarmi scrivendo qui .

I miei prodotti li trovi qui .

Per iscriverti al mio canale YouTube clicca  qui .

Per iscriverti alla mia Newsletter clicca qui .

Shares