“Mio figlio a volte mi dice di preferire i nonni o la baby sitter. Dove sto sbagliando? Non mi vuole abbastanza bene?”.

Oggi è sempre più facile richiedere l’aiuto di nonni e baby sitter per accudire i figli, visto che spesso entrambi i genitori lavorano. Questo è già sufficiente per creare qualche senso di colpa… ma se a ciò si aggiungono frasi del tipo: “Io sto meglio con loro che con te!”, è facile che il nostro cuore diventi un fragile oggetto di cristallo sminuzzato in microscopici pezzettini.

Specifico immediatamente che si tratta di un podcast che contiene delle riflessioni pedagogiche generali e che, ogni singola situazione, va analizzata nel suo contesto particolare.

Per semplicità, elenco le nostre riflessioni per punti.

“Mio figlio a volte mi dice di preferire i nonni o la baby sitter. Cosa vuole dirmi? Come interpretare le sue frasi?”

  1. Il ruolo dei genitori è unico e diverso da qualunque altra figura educativa: tu sei il genitore e come tale hai bisogno di instaurare con tuo figlio una relazione di grande amore, accudimento, intesa. Nel contempo è assolutamente necessario che tu ne sia la guida e dia delle regole. Capita che alcuni nonni ed alcune baby sitter non si prendano questo compito e che siano molto più accomodanti rispetto alle richieste del bambino: preparano merende più dolci, acconsentono al biscotto anche prima di cena, comprano spesso regali, tendono a dar loro ragione, si scordano di mettere il timer alla tv o ai videogiochi. Il tutto crea una situazione estremamente più vantaggiosa per il bimbo che, non appena si ritrova a casa a dover rispettare orari e regole, sbotta e dice di preferire l’atra casa.

Cosa fare?

Per continuare trovi il Podcast qui sotto.

RICORDA:

Per le tue richieste, puoi contattarmi scrivendo qui .

I miei prodotti li trovi qui .

Per iscriverti al mio canale YouTube clicca  qui .

Per iscriverti alla mia Newsletter clicca qui .

Shares