Quali sono gli ingredienti per crescere un figlio felice, sereno ed equilibrato?

Magari bastasse una semplice lista per ottenere questa prelibata ricetta.

Sarebbe da stampare, farne miliardi di copie e consegnarla in ospedale, ogni volta che qualcuno partorisce ed ogni volta che una coppia decide di adottare un bimbo.

Una vera e propria lista della spesa, da attaccare con le calamite al frigorifero e da guardare ogni mattina appena svegli, mentre ci si prepara il caffè.

Ok, basta sognare ad occhi aperti, questa lista non esiste, ma… possiamo crearne una con gli ingredienti principali e vi assicuro che, sebbene non sia così semplice ed immediata, è comunque molto efficace.

Bene, cominciamo con gli ingredienti base, gli ingredienti per crescere un figlio felice:

  1. Crea momenti di intimità e di divertimento: lo pongo come primo ingrediente perché nella nostra vita, spesso frenetica, iperproduttiva, e zeppa di impegni inderogabili (vi assicuro che io sono la regina delle giornate incasinate), dedichiamo un sacco di tempo ai nostri figli, ma… sono tempi in cui “facciamo cose”.

Alla mattina ci si sveglia e ci si prepara, poi, dopo la scuola, si va a fare la spesa e un po’ di commissioni varie, poi si fanno i compiti, si cucina per la cena e ci si sistema per dormire. Un libro, due coccole e fine.

Ciò che voglio dire è che può capitare di dedicarci totalmente ai nostri figli, senza passare dei tempi dedicati esclusivamente al gioco, al divertimento, alle chiacchiere, alle confidenze.

Nessuna relazione può essere pienamente soddisfacente se non ha dei momenti di nutrimento reciproco, in cui ci si dedica l’uno all’altro, lontano dai doveri e dalle faccende quotidiane.

E tuo figlio ha bisogno di questi momenti, qualunque età abbia. Più piccino è più numerosi devono essere.

Piuttosto che un’intera giornata una volta al mese, è meglio venti minuti al giorno.

Minuti in cui ti siedi accanto a lui, prendi il suo gioco preferito e gli chiede cosa desidera fare.

Se invece è un ragazzo, trova uno spazio in cui chiacchierare, ascoltarlo, senza prediche, senza giudizio. Solo due chiacchiere in confidenza.

Se è appassionato di videogiochi, nel momento in cui gli è consentito giocare, mettiti accanto a lui e fatti spiegare cosa sta facendo.

Insomma, entra nel suo spazio, in ciò che ama, e condividilo con lui.

Ritagliati dei momenti esclusivamente per tuo figlio, fai ciò che lui desidera.

Prova per qualche giorno e guarda cosa accade.

Non è sempre facile. Parlare il suo linguaggio a volte potrebbe essere poco divertente: giocare con macchinine, dinosauri, carte di Pokemon, guardare video di Minecraft, vestire le bambole, fare il caffè con una moka di plastica, o ascoltare storie di chat infinite fra adolescenti.

Insomma, all’inizio potrebbe essere un pochino noioso. Ma l’effetto è incredibile: la gioia che gli vedrai dipinta sul viso e l’intimità che si creerà fra voi trasformerà questi momenti in puro piacere.

Se ancora non lo fai, sperimentalo e poi scrivimi per dirmi cosa capita.

Puoi ascoltare il Podcast cliccando qui sotto:

RICORDA:

Se hai una richiesta, puoi contattarmi scrivendo qui .

I miei prodotti li trovi qui .

Per iscriverti al mio canale YouTube clicca  qui .

Per iscriverti alla mia Newsletter clicca qui .

Shares